Le note che uno ha. 4 Novembre 2014 – Posted in: intermezzo, Leandro. – Tags: ,

Ti ho mostrato lo spartito delle mie bugie, le note dei miei passi che aumentano sempre più come un’evoluzione senza strofe, senza fine.

Finirà questo gioco d’ombre e noi tutti torneremo a riprendere fiato,
a dirci che siamo umani, a volerci un pò più bene del solito:
rideremo insieme di questi giorni in cattività,
come si fa dell’infanzia,
come quando fuori piove e si sta tutti sotto al portico a fumare le sigarette a natale.

 

« Di Margherita che volava via, sempre di più.
Riciclo di rapporti. »