Di Margherita che volava via, sempre di più. 9 Novembre 2014 – Posted in: intermezzo, Libri che non scriverò – Tags:

– Margherita, perché non vuoi stare con me? Seriamente, dico, per un pò di tempo. – chiede deciso Angelo, d’un colpo solo.

Margherita ci pensò sù per qualche secondo, ignara dei colpi al cuore che li povero omaccione provava per ogni istante di attesa, per poi rispondere, con pacatezza, quasi rassegnata Non lo so, penso sia per il perdersi ed il ritrovarsi. Capisci? –

No – Rispose lui, con una smorfia da insoddisfazione, come quando si mangia l’ultimo budino e si sta lì a torturare i rimasugli in preda alla voglia di averne altro.

Mettiamola così, Angelo, è già difficile ritrovarsi da soli: in due rischio di perdermi.

« A bruciare strade.
Le note che uno ha. »