Finzioni. 22 dicembre 2014 – Posted in: Me – Tags: , ,

Ho acceso la luce giocando con le ombre di mille amanti, di sospiri sospesi mentre voi tutti ridevate in feste private a cui non riuscirò ad andare: preso dalle armosfere di casa e dall’autoerotismo mascherato.

Alice, che non mi guardi mai come guardi il mondo, tornerai un giorno a salutarmi mentre indosso cappelli di lana colorati e faccio crescere uan barba che mai riuscirai a toccare?

Vienimi incontro, un giorno d’inverno, distendendo ogni verità su lenzuola nuove e candide: saprò leggerle tutte, come piace a te.

« Guerre (interiori).
Dispiegare le voglie. »