Guerre (interiori). 22 dicembre 2014 – Posted in: I due – Tags:

Mangio i minuti, ma senza fame, mentre i preparativi sembrano ripetersi anche quest’anno: forse senza me. Dove andrete tutti mentre io resto indietro a scartare regali non meritati, sorrisi a cui non so rispondere come vorreste?

Emilia mi guarda e non sa cosa dirmi, mi ha ricordato anche oggi di respirare, di fare quel che si può per tenersi tutti buoni, che una guerra basta ed avanza fuori le mura di casa – almeno per ora.

Conterò i giorni nell’attesa di un vestito nuovo, di erotici secondi con lo specchio, mentre gli amori si defileranno uno dopo l’altro, imbarazzati, proprio come gli occhi di mia madre di cui non parlo mai.

« Regali (in)aspettati.
Finzioni. »