Regali (in)aspettati. 24 Dicembre 2014 – Posted in: Donne, Me, Ricordi – Tags: , ,

Ho trovato il tuo regalo senza volerlo, è scoppiato in silenzio con lacrime e ricordi: mi hai raccontato della sedia vuota, dei tuoi viaggi solitari, di come il pane non finiva mai a fine gironata lasciandoti la voglia di scappare senza poi davvero farlo, senza mollare.

Gireremo un giorno guardandoti negli occhi, io ti racconterò dei miei pianti in silenzio mentre tu mi spiegherai l’odore delle camelie, tua madre che muore lentamente ogni giorno.

Chiara, che sfiori le mie labbra oggi che non so cosa dire, accompagnami senza ammetterlo sui passi di questi giorni senza inizio, tra le mie sveglie che ignoro, sul filo di un rasoio arruginito che è pieno di ricordi, che è pieno di noi.

« A stirare sorrisi.
Guerre (interiori). »