Mutande rosse e aspettative antiche. 31 dicembre 2014 – Posted in: Me, Ricordi – Tags:

Dovessi rinascere cambierei i miei pezzi per mostrarmi nuovo, per darti il lato migliore: non smetterà questa danza di cambiamenti mentre tu bella mi seguirai da lontano senza chiedermi amore, senza colorare ogni mia sfumatura grigia.

Dovessi scegliere le parole, lo farei pensando a te: impilerei le voglie centrifugando gli impegni, stendendo ogni mia stupida appaenza di dignità.

Ma stanotte che le mie mutande sono rosse, come i miei occhi a causa del fumo di questa storia d’amore fallita, non so dire nulla che esuli dalle aspettative, dai desideri di una vita condensati in ansia da prestazione, in masturbazioni nascoste, in drammi inventati pur di farsi dedicare un istante di attenzione che mai mi verrà concesso.

 

 

« Inguaribili strategie.
Metamorfosi. »