Tranquillità conquistata. 5 gennaio 2015 – Posted in: Me – Tags:

Sono sceso nonostante la tosse ed il freddo, nonostante la solitudine che ti prende e ti coccola come solo una città svuotata può fare: ho comprato una pizza enorme e bevuto bollicine tutta la sera.

Mentre i minuti scorrevano ho guardato un film delizioso leccandomi le ferite tra una battuta e l’altra, lasciando al divano ogni oscillazione di umore.

Anche quest’anno mi hai chiesto perché scappo lontano, perché marco spazi ancora vuoti: ti ho detto di sorridermi come sempre, che scappo per ritrovarmi, che tu ormai mi vuoi bene e puoi capirne il bisogno.

« Scambi e peccati.
Inguaribili strategie. »