Prese in giro. 18 Febbraio 2015 – Posted in: Me – Tags:

Ci siamo presi in giro in un continuo gioco di passi falsi, di danze col velo a coprire i nostri difetti, le nostre menzogne. Hai preso tutto quello che potevi, dalle mie parole ai piccoli giorni tristi, senza poi ridarmi qualcosa che saltasse fuori dal quotidiano andare, che mi urlasse che sono vivo anche a due passi di distanza da te.

Nella nebbia hai urlato di stringermi forte senza poi farti trovare, sfuggendo alle mie mani unte di follia da conquista, tremanti dalla rabbia di chi vuole ottenere sempre di più.

Olga, con gli occhi che mentono sempre, ti accuserò di tutte le colpe che ho dentro, di tutti i sogni che io stesso ho infranto in chi vedeva un barlume di speranza in ogni mia parola scontata, in ogni immagine che vendo e svendo a chi per primo promette un minuto di vita tra braccia che stringono ed occhi che amano senza limiti né timori.

« Giri di verità nascoste.
Un corpo solo. »