Dei limiti e delle dimostrazioni. 25 Feb 2015 – Posted in: Me, Ricordi – Tags:

Ho fatto risuonare le tue parole enormi tra le mie pareti di carta pesta e paura, giocato con i miei limiti diventati pesanti e complicati dopo aver fatto i conti con le parole che hai segnato sulla mia strada, con le dimostrazioni di bravura che non vuoi guardare.

Tra le mie domande insicure non ho trovato il tuo volto a dirmi che faccio bene, che a correre per le mie strade c’è solo da esserne felici: sarai anche tu tra coloro che non mi chiedono mai i motivi dei miei sguardi timidi?

Oggi ho deciso di restare un attimo in più sull’orlo del fare, sui confini dei miei piccoli desideri, scuotendo per un istante ancora la mia enorme palla di vetro piena di neve, di sorrisi e stupide case di legno riscaldate dai sogni di bambini ancora non troppo cresciuti.

 

 

Dente – Voce piccolina

« Suonare le voglie, smettere di respirare.
Giri di verità nascoste. »