Approcci. 28 Marzo 2015 – Posted in: Me – Tags:

Mi hai mostrato le tue mani vuote, la tua bocca da sfamare, mentre ti lasciavo percorrere i miei fiumi in piena nel silenzio imbarazzante dei soliti inizi.

Tra le strategie di caccia abbiamo deciso di non guardarci, di stare lontano, così da non scambiarci gli odori, da poterci sentire incerti prima di qualsiasi altro passo.

Ma stasera che eludo ogni mia voglia di menzogne impilo le piccole voglie per te così da scoprirmi per primo, da dirti l’indicibile, rompere le regole di questo gioco a perdere che ci siamo scelti sin dall’inizio.

« Prendersi il meglio, lasciare gli avanzi.
Dei non detti e del sole che sorge, lento, su di te. »