Amori riciclati. 16 aprile 2015 – Posted in: stanco – Tags:

Lasciammo la statistica giocare con le quotazioni del nostro amore mancato, regalammo ai nemici enormi biglie con cui giocare sulla polvere dei nostri sentimenti profondi, un po’ addormentati, da troppo tempo pronti per il risveglio.

Elena, oggi più che mai, ti ripenso sorridermi mentre cadevo, stendere un velo di pacatezza su tutte le mie paure – lasciarmi confondere il buonsenso con l’amore, la tua educazione con la devozione di chi ama senza pensare.

Oggi ho toccato tutti i miei fallimenti migliori, li ho rimessi a nuovo, uno ad uno, per capirli di nuovo: te ne regalerò qualcuno, poi, se vorrai giocarci con me.

L’orso – (quado poi per tutto il) Weekend

« L’estate, io che dormivo su di te.
Delle strade, di me che non oso ballare. »