Domeniche mute. 26 Aprile 2015 – Posted in: Leandro. – Tags:

Ho lasciato alle mie spalle enormi spazi bianchi, parole interrotte come le mie promesse, come le voglie che mai verrò a dirti.

Il flusso costante dei tuoi sorrisi mi ha portato lontano, mi ha distratto, mentre i conti in banca urlavano gli echi delle mie paure: riusciremo a ripararci insieme, un giorno, senza dirlo a nessuno?

Oggi non mi alzo, oggi non lo so cosa passa per le mie mani tremanti. Oggi trattengo le parole, ci penso ancora un po’ prima di alzarmi da questo letto, prima di segnare i sogni che andrò a dire a qualcuno, per capirci qualcosa, per mettere in fila le emozioni e tentare di guardarle ancora una volta, sotto un profilo diverso, magari cresciute dall’ultimo incontro – anni fa.

« Limbo.
Cercare l’orizzonte, trovare le mie paure. »