Cosa penso, dove sei. 24 Maggio 2015 – Posted in: I due – Tags:

Ho misurato la distanza tra le mie verità e qualsiasi tuo sguardo ritrovandomi lontano, forse troppo, per dirti che dovresti parlarmi, che dovresti chiedermi di uscire.

Ho immaginato di sentire il tuo odore, di vederti in pigiama, mentre sorridente contavo i giorni dal nostro inizio, i respiri mancanti alla nostra prima fine.

Dedicherei una notte di sospiri, forse due, a qualsiasi tuo sogno nel cassetto: vienimi incontro, ti dirò che t’amo finché non ce ne stancheremo.

« Dell’edilizia, delle terapie musicali.
La tua musica straniera, il mio amore part-time. »