2kg di affetto. 26 Giugno 2015 – Posted in: I due, intermezzo – Tags:

Ti direi, senza ripensamenti, che adoro l’odore che lasci sul mio cuscino spento, sulla sagoma di un amore volante, di un’ombra che sguscia da questa camera da ricostruire.

Il tempo ci bisbiglierà man mano i sacrilegi da compiere, gli omicidi avvenuti, i sentimenti che non potremo mai guardare negli occhi finché i non detti continueranno ad aleggiare nei nostri armadi enormi, sulle tue labbra che mai potrò avere.

Dove sei, oggi, che i miei traslochi coprono il mondo, persino i miei sorrisi, e che mi sento un uomo adulto: definitivamente disilluso, per sempre ferito?

 

Marta sui tubi – L’abbandono

« Al proprio posto.
Dei pesi, dei segni che uno ha addosso. »