Le tue t-shirt da guerra. 13 agosto 2015 – Posted in: Leandro.

Ho sempre pensato fossi bellissima tra i palazzi in fiore, nella metro che sboccia insieme al gelo che si poggia sui nostri sentimenti in letargo, sulle nostre promesse in via di estinzione. Io urlavo ai turisti profumati mentre tu ripetevi che il Pantheon è la tua piazza preferita, lo spazio migliore per decorare le nostre parole.

Negli anni ho raccolto i tuoi ricordi, meticolosamente, indossandoli poi uno ad uno così da ritrovarti nei riflessi di specchi sporchi, nelle illusioni di questa mia finestra aperta. Avevi sempre una t-shirt in tema con le nostre guerre silenziose, per questa agitazione che mi insegue ancora oggi che non ci sei più, che sei andata via inseguendo i tuoi sogni da telefilm americano.

Nei tuoi anniversari accenderò una candelina sui miei sorrisi scaduti, sulla voglia di abbracciarti che ancora oggi mi bussa alla gola: scriverò il tuo nome ovunque sulle pareti dei miei ricordi, sugli scaffali di una vita di stenti in cui io io ti amavo e tu facevi di tutto pur di fotografarci felici, pur di lasciare avanzi per i giorni peggiori, per quando avresti avuto fame.

 

83 minuti di bellezza.

« Giocare con le parole, sorridere al vento.
Il passaporto dei tuoi baci salati. »