Tra i sedili, i tuoi occhi bellissimi. 2 settembre 2015 – Posted in: Me, Noemi – Tags:

Giocheremo a fare la condensa tra le auto sepolte in boschi cittadini, tra i sospiri sottintesi e le nostre voglie di toccarci fino al mattino.

Io giocavo con la luce altalenante dei guardoni di turno mentre i tuoi parcheggi perfetti iniziavano a cedere sulle onde del tuo amore violento, sulle sigarette che non fumavo per non darti fastidio.

Ho placato gli animi raccontando storie inventate, dei miei giri d’europa, dei curriculum che sembrano non aver fine. Tu urlavi i tuoi anni sulla mia pelle muta, sulle mie erezioni nascoste, su tutta la merda che abbiamo scambiato pur di amarci a puntate, pur di non vedere la fine.

 

Rondine – Santiago

« L’autostrada della tua pelle.
La condensa dopo essersi amati. »