Guarda la mia vita. 30 Settembre 2015 – Posted in: Leandro. – Tags:

Ho giocato con i miei spettri saltando poi sul costoso lettino della mia analista, tra i miei sogni dimenticati, i graffi all’anima che non riesco ad accettare.

Le donne mi urlano contro, chiedono i risarcimenti per i sogni infranti, per le parole appassite. Io resto in silenzio, procrastino gli impegni e vivo piccole rivoluzioni quotidiane: perché a volte basta abbandonarsi un po’ per sentirsi vivi.

Ma la mia vita corre veloce, anche se sono in panne, e queste mie parole non hanno senso come le canzoni che ascolto, come i baci che non voglio dare, come mio padre che non mi viene mai a trovare.

 

Hide and Seek

« Giovanna, l’amore, il sesso.
Apnee. »