Di me che afferro il niente. 9 ottobre 2015 – Posted in: Leandro. – Tags:

Nell’apnea di emozioni ho capito di voler tempo libero, minuti leggeri da dedicare all’allenamento di sorrisi spontanei.

Non tocco davvero le persone, non rido davanti allo specchio: vivo di ombre, di appuntamenti mancati.

Stanotte soffio appena sulla polvere del mio viso, sul riflesso di qualcosa che non riconosco più: su ciò non sento più mio.

« Desideri urbani
Se mi tocchi ti sento. »