Spostare emozioni, pesare i cambiamenti. 14 ottobre 2015 – Posted in: Leandro. – Tags:

Ho spolverato ricordi antichi, pianti perduti nell’incredibile forza dell’ironia. Quasi affogo tra le onde di questo tumulto, tra i venti di ogni mio cambiamento.

Nel dolore ripenso alla neve, all’odore di casa dopo mesi di assenza. Alle cravatte reduci dalla fuga, alla mia infanzia rimasta in vita sulle pareti della mia camera in disuso.

Soffoco quasi rimescolando tutto, ancora una volta, pur di andare avanti: pur di guardare negli occhi le cose, sentire dentro il cambiamento.

« Il mutuo, i conti, il sesso.
Desideri urbani »