Come natura vuole. 31 gennaio 2016 – Posted in: I due, intermezzo

Scivolerei sul tuo collo stanco, tra i tuoi esami impellenti che dividono i nostri corpi caldi, le nostre voglie in partenza.

E i miei nei non riusciranno a confondersi coi tuoi, a lasciarsi andare alle tue mani fredde, ai miei capelli in perdita.

E il tuo seno rimarrà fervido nella mia memoria, nell’immaginazione di una notte in cui non riuscivo a guardare altrove, a non pensarti come natura vuole.
« Costruzioni.
Le tue certezze. »