Se fossi più vicina. 12 Marzo 2017 – Posted in: Briciole di

Volersi
è uno scontro
con le nostre distanze.

*Ti ho guardata da lontana, come un miraggio, sentendo dentro i terremoti emotivi di chi ha perso qualcosa – di chi non può più restare.

E volerti era come andare alla deriva, come guardare il litorale d’inverno senza potersi lanciare, senza potersi neanche scoprire.

Passerò la notte a chiedermi dove sei, a ripercorrere le nostre ultime parole spente, le distanze, le esplosioni enormi di cui siamo sempre stati capaci. E volerti sarà come naufragare tra le emozioni forti, tra le distanze enormi, tra le voglie stupide di volerti più vicina, di volerti accanto nelle notti migliori.

« I tetti, il mare
Marchi di fabbrica, padri violenti. »