Esplosioni (interiori). 18 marzo 2017 – Posted in: Briciole di, I due

Volerti
era come
esplodere dentro.

E farsi male, malissimo.

 
*Ho guardato allo specchio il mio desiderio, ho trovato l’eco dei miei pensieri, le parole che non ti ho detto mai. Ho pensato che volerti è come un gioco solitario, come il vento sulla spiaggia deserta che crea dune bellissime dietro le quali nascondersi, fare l’amore, dirsi i segreti.
E su questa spiaggia di voglie io continuo a camminare, continuo a cercare, ed il mare urla con le sue onde bellissime ed io come marea torno da te ogni notte senza trovarti, senza averti accanto: allora capisco che è un gioco perverso, che tu sei il vento ed io la mano aperta che non ti prenderà mai.

« Maree
I tetti, il mare »