Cart 0
Continue reading...

Crisi eroica.

Mangerò amore in scatola e chiederò rimborsi per il tempo rubato ai miei piacere più nascosti. Mi inbucherò in party privati nei posti più brutti cosi da placare la voglia di occhi belli e labbra gonfie. Infine farò a pugni, come quella notte, e prendendole di santa ragione potrò fare l’eroe una volta ancora. E ancora.   E ancora.

Continue reading
Continue reading...

Noemi (C’è stato un tempo).

C’è stato un tempo in cui il cuore batteva forte, fortissimo, davanti ad un uomo poco cresciuto con la barba a macchie: mio adorato, dove sei ora che tutto giro ed il mondo urla? Dove sei mentre temo in questo cielo stellato d’inverno, mentre straripa il fiume dei miei pensieri ed il cuore urla straziato per la voglia di trovare pace nelle braccia di Dio? In villa ho trovato dei fiori sbiaditi, mi hanno ricordato…

Continue reading
Continue reading...

Fragile silenzio.

Trema la terra e tremiamo un pò noi, vacillano i parenti come questi bicchieri: non c’è modo di placare le agitazioni se non ascoltando, se non controllando con minuzia ogni istante di attesa. Fragili, iniziamo un mutismo epico cercando di dimenticare di avere un cuore che batte, di essere fatti di carne, di poter anche urlare puché ci si metta al riparo. – Al riparo da cosa? – mi chiede Isabella che è lì che…

Continue reading