L’estate, io che dormivo su di te.

Piansi d’estate tra le coperte, il sole era spento ed io dormivo sulle tue tette: dalla finestra non c’era la luna ma il vento invisibile, l’odore di estate misto al kebab del tuo quartiere.

Continue reading