Cart 0
Continue reading...

A spiegarti i legami, le distanze ed i riflessi.

Impareremo l’arte di sfuggire alle prese altrui, saggi di una tradizione che viene da lontano che ha il sapore della polvere nell’aria, della paura sulla pelle che scende come sudore davanti alla prima promessa, alla prossima aspettativa. Non siamo buoni a far coppia, non siamo bravi a prendere mani calde per portarle in giro a passeggio per la città fiorente, per le strade pubbliche: preferiamo la notte, il silenzio, questa insensata voglia di velocità e…

Continue reading
Continue reading...

In punta di piedi.

Abbiamo atteso qualcuno che mai è arrivato, presi dalle voglie romantiche e da questa malattia che abbiamo sin da quando eravamo indifesi. Deponendo il romanticismo hai tentato di schiarirmi le idee, di mettermi sui binari della gentilezza e della passione, senza farmi sperare di essere altrove, di volere tutt’altro: anche se il tutt’altro non l’ho mai cercato. Avevamo tanta di quella fame, amore mio, che abbiamo mangiato tutti i nostri sogni prima ancora di poterli…

Continue reading
Continue reading...

Elisabetta (Per non farsi del male).

Mi giro e mi rigiro in queste vesti fasulle, senza trovar pace nei movimenti perfetti, senza trovare luce nelle labbra che poggiano sul vuoto ma solo sentendo i pesi che porto elegantemente tra le strisce pedonali ed i sanpietrini di questa città. Aspetterò che sia troppo tardi per tirare il fiato ed uscire da questa apnea di sacrifici scomodi e doveri preistorici, troverò la forza di dire basta il momento dopo aver finito, prenderò il…

Continue reading