-in my world- Archives - Nemus Loren
Cart 0

La diplomazia dei sentimenti

Per quanto l’enorme stato voglia trattare con un’altro a suo piacere, se queste trattative non saranno tollerate da chi detiene il potere primario delle risorse, sarà limitato. La dipendenza da petrolio che ormai devasta la maggior parte delle nazioni sviluppate porta ad un aumento costante della dipendenza diplomatica da parte delle nazioni che fanno largo uso di questa risorsa primaria nei confronti di quelle che, chissà in quale parte del mondo e con quale regime,…

Continue reading

Una vita da scavatore.

Passo dopo passo suono su questi immaginari ed infiniti tasti d’avorio sulla mia strada, percussioni sono le mie mani che ticchettano sui jeans troppo usati. E’ una vita di scavatore questa, a far fossi enormi per buttarci dentro immondizia di sogni; coprire tutto poi, senza capire, senza pensare, solo coprire e cominciare da capo. Questo è il lavoro da compiere. Non basta un barlume di verità per rispondere ai perchè, c’è solo una musica lunga…

Continue reading

Il san(t)o parlare come regalo…

Ed il mio regalo l’ho ricevuto parlando, nessuna inquisizione o disperazione, solo il ripercorrere strade immense comodamente seduti in poltrona, il guardarsi con occhio umile, dirsi la verità che male più non fa dando a nessun quel che è proprio. E’ un regalo. Parole vere per cuori sinceri, sorrisi e poltrona gonfiabile per la cura del mondo, corriamo insieme contro l’ultimo autobus di una fredda domenica, senza farsi scappare niente, neanche un telefilm. Non c’è…

Continue reading

Parlo con te.

A te che stimoli i sensi di colpa, a te che scappi e fai male, che stimoli le mie paure più grandi, la fine di un tempo da bimbo. Parlo con te che vedi il mondo con occhi diversi, che mi hai nutrito, verso cui sono impotente. Vorrei urlare anche io di non essere capito, di non essere felice, che questa vita non da pace e mi costringe a vivere, ogni santo giorno io devo…

Continue reading

Sono stato bene

Poi lo capisci, quando sei lontano e solo, che chi ti ha tenuto compagnia ha un ruolo importante. E forse un pò ti manca, ripensandoci, e finalmente ridi di quello che è successo. Qualche urla in più, una birra in due. Standoci troppo dentro non ci si rende sempre conto, è un bene anche fermarsi ogni tanto e guardare il tutto. Guardare il tutto e dirsi: sono stato bene.

Continue reading

Salasso.

Toglimi il sangue, tempo toglimi il sangue e lasciamo a terra, porta via le cose più belle, porta via i sogni e quello che ne rimane. Toglimi il sangue, tempo stringi forte i miei averi e portali via, porta vie le cose più belle, porta via quegli occhi cioccolato e quello che ne rimane. Toglimi il sangue e guardami cadere, sarò silenzioso e non mi scoprirò nella notte guardandoti. E sentirò dentro un pugno stringere…

Continue reading

Ho assaporato la città…

Roma sembrava sapere di vacanze, quell'aria non calda e non fredda, quei viaggiatori ovunque e tu, invece, bloccato lì. Come il mondo visto dalle sbarre, però libero. E' strana la prigione dei nostri desideri, vuoi tanto una cosa ma, un attimo prima di averla, le sbarre della paura ti si chiudono davanti. Toccale, aprile… Il mondo è lì fuori e tu lo hai tanto voluto.

Continue reading

Ci guiderà la vita

Cosa ne puoi sapere di questa tua piccola vita se non tocchi il fondo e non la guardi anche da qui giù? Guardati attorno, è tutto unico da non poter vivere senza comprendere davvero. Vieni con me, cercheremo di trovare uno scoglio da dove guardare il mare. Vieni con me, capiremo il motivo delle onde ed insieme andremo avanti a fatica. Ci guarderemo intorno e capiremo che siamo circondati da salsedine. E l'umidità ci entrerà…

Continue reading

Pensieri da 8 e mezzo

Se solo avessi un circo  non so chi troverei tra le fila dei pagliacci degli acrobati e dei ballerini forse ci saresti tu che nel girotondo ci sei da un pò a sorridere al tuo vicino prendendogli la mano.

Continue reading