Cart 0
Continue reading...

Ci siamo persi nei dettagli.

Ho sentito le tue mani che non mi toccavano, i segni che non mi hai lasciato: abbiamo avuto paura del giorno prima, dell’attesa, della paura stessa di stare al gioco dei vinti e dei più forti, al gioco che da secoli ammiriamo vogliosi. Manca poco all’ora della vendetta, della guerra anticipata: sarai barca mentre sarò tempesta? Alla fine manderemo tutto a rotoli, brandelli di aspettative buttate nel cesso, mentre chili di sguardi scenderanno dalla cascata…

Continue reading
Continue reading...

Agosto, la capitale ed il mare (compendio al mio senso del dovere).

Belli ed inesorabili solcate le onde e queste risate estive mentre le minigonne vi attorniano tra i locali notturni e quelle discoteche piene di vita. Vi ho visti, voi tutti, godere sugli aforismi dei vincenti, fumare sigarette al chiaro di luna e annoiarvi sul bagnoasciuga gelido con la brina notturna e queste t-shirt profumate, fiorite, mai sudate. Ho chiamato la mamma per lamentarvi di tutto, ho chiamato i miei amici per dire loro addio e…

Continue reading
Continue reading...

Cotte estive.

Arriverà il caldo ed i turisti, i tuoi capelli profumati ed i jeans strappati; non vedremo correre i cavalli tra la gente ma ci lasceremo cadere come sempre su questa strada polverosa aspettando la pioggia ed il suo odore stupendo. Dimmi se cadrai nella mia tela tessuta per anni o volerai come sempre lontana lasciandoti guardare famelico tra proposte di viaggi e le risate con la birra, il sudore e quest’erba cattiva che cresce sempre…

Continue reading
Continue reading...

Clone.

Ho clonato me stesso, di giorno in giorno fino a perdere me stesso e credimi altro. Pezzetti di me che si riuniscono e poi si separano si scindono come atomi in centrale ma non fanno energia, loro, al massimo, me ne rubano un pò.  

Continue reading