Cart 0

La forza delle parole…

Pensi mai a quanto è importante una parola? Un sorriso, un pensiero. . Un bacio. Una parola può. . . sempre, tutto. È dal tramonto sui tetti di roma, da questo arancione opposto ad una strana luna che, camminando, lo capisco. Ed è assurdo rendersi conto di tutto questo solo all'alba dei ventuno anni, quando di parole se ne sono dette tante. Già, mi tocca ammetterlo, forse ne ho dette davvero troppe. A dirla tutta…

Continue reading

Il mare chiama i suoi figli

Lascia a casa il tuo vecchio vizioconcediti un lungo silenziofai in modo che la notte ti entri dentroche arrivi dritta al centro deldel tuo cuoredi vecchio pescatore. Credi nel mare e nella sua forza ogniogni onda la paura smorzasi fallire e cadere ancoraapri gli occhi, non è la tua ora. Segui l'albatros in movimentoascolta il tuo presentimentosenza mai forzare il vento. Risuonava nei pensieri il canto di un pescatore d'amore ormai stanco,tagliata la sua lenza…

Continue reading

La vita ti strizza l’occhio

E’ un abbraccio di pietra, freddo e tenace. Forte e sicuro di secoli di vita. E’ un abbraccio mortale quello di una muta madre che non può dare carezze. Risplende immensa, meta a cui mai si potrà arrivare. Non ha compagnia oltre le stelle, numerose e vaganti, senza certezze. Eppure è lì, scalfita dai venti di mondi lontani, è lì. Ed io, in un mare piatto senza sabbia su cui stare, la penso. Mio esempio…

Continue reading

Il dolore era bello

Era bello restare a guardare il cielo e piangere sotto le stelle, credere che la luna fosse la salvezza di me e di te, entrambi, prigionieri del mondo.Il mondo che non ci capiva, che non ci voleva, che disprezzava i nostri piccoli grandi sogni.Era bello sapere che al mondo qualcuno che ti capiva c'era.Era bello sapere che al mondo qualcuno che ti leggeva con uno sguardo c'era. Era bello, lo ammetto. Mi piaceva svegliarmi al…

Continue reading

Saper guardare.

Ho sbirciato da serrature di vite non mie, ho riempito bicchieri di silenzio per poi berlo tutto, ho lasciato che i tuoi pensieri fossero i miei, per un istante. Ho montato parole senza senso, agitato palle di vetro con acqua e neve finta, segnato rigori con briciole di pane tra pali fatti di forchette. Ho fatto tante cose, nessuna con un senso preciso. Le ho fatte, semplicemente. E’ la vita ormai diventata grigia o sono…

Continue reading

Tre metri…

  Può un uomo a terra cadere ancor più in basso di quanto già sia? No. Può tentare di alzarsi e riuscire, o fallire, nel tentativo. Questo lo può fare. La città è piena di opportunità, persino per un cuore ferito. E così è stato. Aspettava, quell’uomo, alla fermata di un autobus che presto di sicuro non sarebbe arrivato, aspettava tremando un pò dal freddo ed un pò dal timore. Non resisteva allo sguardo di…

Continue reading

Lacrime di pace

La storia si ripete, non lo sapete? Andiamo avanti per la nostra fottuta strada con dentro qualcosa. Caldo ricordo di una storia passata. Il passato ha sempre un sapore diverso. Diverso da te, da me… da tutto. E’ un dolce cadere nei ricordi dimenticati. Non trovi? Cerchiamo di ritrovare nel mondo qualcosa che abbiamo dentro. Come se il rosso del nostro sangue stesse bene sulle pareti della nostra casa, le calde mani di nostra madre…

Continue reading

La donna che sfugge…

“Lei era complicata da capire. Tutto e niente, amore e odio, vicina e distante. Era una donna, una bella bambola a dirla tutta. Speciale di sicuro. Peccato che fosse così sfuggente.”   E’ l’eterno difetto delle bambole come lei. Hanno tutto per rimanerti dentro, non riesci a non pensarci. Almeno una volta al giorno soccombi sotto il loro pensiero, tra le macerie di promesse fatte a te stesso di non pensarci. E’ una droga che…

Continue reading

Aspettando il mio treno

  E’ un treno che non c’è quello che aspetti. Non hai nemmeno il biglietto, cosa ci stai a fare qui? Questa stazione è troppo grande e desolata per un cuore come il tuo. Vedere treni che vengono per poi andare non ti farà di certo bene se non sono per te. Ma tu aspetti lo stesso, seduto sulla tua panchina, a guardar binari che mai si toccheranno, che altrove ti porteranno. Forse non dovresti…

Continue reading

Primavera…

Fai in modo che arrivi la primavera dentro di me. Fai in modo che tutto riprenda vita, qui… Dentro di me. Che il mondo sia come vorrei, come non lo vedono gli occhi miei, come lo volevo ma non lo è. E magari un giorno sarà. Perchè sono le cose che non ricevo dal mondo a ricordarmi chi sono. Pensieri che scivolano sullo schifo urbano e quotidiano, campioni di crudele vita. Ma io pongo un…

Continue reading