Poesie nascoste, la scritta Auchan.

E’ arrivata la primavera ed Alberto esce con tutte, senza ritegno, costringendomi poi a ridere di ogni figuraccia, del suo portafogli vuoto e del vino comprato in quantità industriale pur di stupire, pur di avere, poi, a piccole rate notturne. E’ arrivata la primavera ed io non conto le stelle né le lucciole come da bambino, cerco piedistalli per stare in piedi e non faccio mai tardi: dormo poco, ma per colpa della distrazione di…

Continue reading